Say Cheese!

Benvenuto nel mio sito internet!

Durante i sei anni della mia carriera di fotografo è stato per me un vero piacere immortalare in ritratti e in album di matrimonio tante persone. Mi considero molto fortunato, perché ho un lavoro davvero gratificante, che mi dà la possibilità di realizzare qualcosa che porta molto piacere anche ad altri. Lungo la mia strada ho incontrato persone interessanti e simpatiche e alcune di loro sono diventate per me dei buoni amici. Vorrei ringraziare i numerosi clienti che mi hanno inviato testimonianze molto gradite: potete vederne alcuni esempi nelle sezioni Portraits (Ritratti) e Weddings (Matrimoni) del sito.

Come sono diventato fotografo

Dopo una breve carriera nel settore dell'ingegneria elettronica, ho fatto una virata che qualcuno potrebbe giudicare un po' folle: sono diventato lavavetri. Questo mestiere, sebbene possa sembrare tutt’altro che affascinante, mi ha permesso di mettermi in proprio e di dedicare tempo alla mia passione per i viaggi. Oltre al lavavetri, per guadagnare qualche soldo in più lavoravo come chitarrista e animatore. Mettermi in proprio mi ha permesso di poter prendermi settimane, e talvolta mesi, di pausa ininterrotta per viaggiare.

Sin da giovane ero affascinato dai posti lontani e dalle loro straordinarie popolazioni. Più avventuroso e remoto il posto e più desideravo visitarlo. Il mio primo viaggio mi portò in Sud America, dove passai il tempo ad esplorare la Bolivia, il Cile, il Perù e il Brasile. Avevo portato con me una piccola macchina fotografica compatta Yashica e consumai ben 25 rullini durante i sei mesi di permanenza lì. In quelle terre lontane trascorsi giorni straordinariamente emozionanti, costantemente impegnato a catturare l’essenza del Paese e la personalità della sua gente. Questa è stata la prima di numerose avventure di viaggio all’estero.

Dai miei primi viaggi ho imparato che una bella fotografia non nasce per puro caso: non basta inquadrare e scattare per realizzare una foto di classe mondiale. Ero consapevole che dovevo imparare di più per ottenere quella qualità d’immagine di cui mi sentivo capace.

Per migliorare le mie abilità tecniche, cominciai a studiare le immagini della rivista National Geographic, lessi di tutto e di più sull’argomento e investii nell’acquisto di un corredo fotografico di alta qualità. Questo è stato l’inizio del mio impegno volto a realizzare le vere potenzialità della mia fotografia.

A seguito di altri viaggi all’estero, con durata da cinque settimane a undici mesi, cominciai a collezionare un nutrito portfolio di fotografie di paesaggi, popoli e culture, animali e natura. Quando un nuovo interesse, quello per le immersioni subacquee, mi portò sotto le onde, la mia macchina fotografica mi seguì. Parte del mio repertorio fotografico subacqueo è disponibile nella sezione World (Mondo) del sito.

Grazie a questo portfolio di viaggi in continua espansione, una futura sposa, lasciata "a piedi" da un fotografo, mi contattò chiedendomi se ero interessato ad occuparmi del servizio fotografico del suo matrimonio. Sebbene inizialmente fossi incerto, sono contento di avere accettato. Dopo aver creato il mio primo album, la voce si sparse e di lì a poco la mia agenda si riempì di prenotazioni per servizi fotografici di matrimoni. Questo segnò l'inizio della mia carriera di fotografo.

Una delle coppie che mi aveva commissionato il servizio fotografico del matrimonio mi chiese successivamente di scattare alcuni ritratti della loro bambina. Non del tutto sicuro su come procedere, preparai l'ambiente a casa loro scattando le foto avendo come sfondo un lenzuolo bianco fissato alle lampade con delle clip. Sebbene l'ambientazione non fosse proprio l'ideale, i risultati ottenuti furono buoni. Infatti, un'immagine che ho usato per alcuni anni nella mia campagna pubblicitaria (visibile nella HomePage) è stata scattata proprio a casa di un committente usando lo stesso sistema del lenzuolo e delle clip.

Attualmente dispongo di uno studio fotografico progettato specificatamente per la ritrattistica. Il lenzuolo e le clip non ci sono più, ma il desiderio di catturare la spontaneità e la personalità del soggetto è sempre lo stesso.

I committenti erano contenti del mio lavoro, e col tempo arrivò anche il riconoscimento della critica. Arrivarono i premi e le mie immagini cominciarono ad apparire su vari giornali, riviste e pubblicazioni internazionali dedicate ai viaggi. Una sorpresa molto gradita fu la vittoria del tanto sospirato premio “Fujifilm Distinctions Award”, una competizione nazionale considerata il più importante riconoscimento nel settore della fotografia.

Grazie al successo dei miei ritratti, sono stato costretto a diminuire il numero di servizi fotografici per matrimoni. Sebbene la richiesta rimanga elevata, ora concentro la mia attenzione solamente su un numero ridotto di matrimoni per anno, assicurando così che ciascun album preparato da Trevor Reed sia al contempo fresco ed esclusivo.

Il giro del mondo in 15 anni

Negli ultimi 15 anni i miei viaggi mi hanno portato in 50 diversi Paesi. La sezione World (Mondo) del sito presenta una selezione di immagini scattate durante i viaggi in alcune di queste terre. Queste impressioni fotografiche catturano la personalità, la bellezza e a volte l’umorismo spiccato di alcune delle persone eccezionali che ho incontrato, e danno un’idea dei loro stili di vita. Mi auguro che le foto suscitino in voi le stesse emozioni che io stesso ho provato scattandole.

Le immagini, molte delle quali recentemente esposte in una delle più note gallerie d’arte del Nord d’Inghilterra, sono ora in vendita quale parte di una collezione di stampe a tiratura limitata. Con l’ausilio di un software personalizzato online nel sito internet, potrete scegliere una cornice e montarla sulle foto da voi selezionate, oppure vedere una simulazione dell’immagine su tela.

Grazie per avere visitato il mio sito internet.

Say Cheese!